Seconda volta consecutiva per Kask dopo il successo del Valegro nel 2018: il casco Aero Utopia vince l'ambito 2019 iF Design Award nella categoria Prodotto

Quinta edizione per Il Bicicletterario - Parole in Bicicletta, primo e unico Premio Letterario dedicato al variegato mondo della bicicletta

La GHOST HybRide LECTOR stabilisce il nuovo benchmark nel segmento E-MTB hardtail, convincendo la giuria di esperti del Design & Innovation Award.

L’ADI Compasso d’Oro 2017, il più prestigioso dei riconoscimenti internazionali del mondo del design, è stato quest'anno vinto dalla Bolide TT e consegnato a Fausto Pinarello

Partita la quarta edizione de Il Bicicletterario - Parole in Bicicletta, unico Premio letterario al mondo dedicato alla bicicletta in tutti i suoi aspetti

Una menzione speciale nell'ambito del Premio Nazionale Sicurezza Stradale “Basta sangue sulle strade”, nella categoria “Tecnologia e Sicurezza"

Bianchi Oltre XR4 è stata eletta "Superbike of the Year" dal prestigioso sito Road.cc. Nel decretare la vittoria della Oltre XR4, i giornalisti specializzati del sito britannico hanno preso in considerazione le prestazioni più rilevanti, il più alto grado di innovazione tecnica e progettuale, il miglior design.

Melon non è solamente il nome dell’azienda tedesca che lo produce ma anche il nome del modello in questione e guardandolo si capisce bene il perchè. La sua inconfondibile grafica non vi farà sicuramente passare inosservati e finalmente anche un accessorio, spesso non molto amato, potrà diventare un “must have”.

La classifica, che esamina il grado di sostanza nei rapporti di sostenibilità delle aziende, conclude che continuano ad esserci significanti lacune nella rappresentazione dei processi di produzione e distribuzione delle aziende. Dall’analisi di circa 120 report di sostenibilità delle aziende tedesche esaminate, solo sei aziende sono state insignite per la trasparenza delle loro presentazioni.

Dalle esplorazioni in bicicletta dell'archeologo inglese Thomas Ashby all'intitolazione della prima "Biblioteca in bicicletta" all'archeologo ciclofilo Lucos Cozza (Biblioteca della bicicletta "Lucos Cozza"), il mezzo a due ruote è stato l'insostituibile compagno di viaggio lungo percorsi inesplorati o poco noti, consentendo una osservazione inedita di luoghi e paesaggi, fermati nelle immagini fotografiche e nelle descrizioni tuttora fonte documentaria per gli studi archeologici.