Da quest’anno, Natale e ciclismo andranno d’accordo. Fare un regalo all'amico appassionato di bicicletta, piuttosto che al fidanzato che mette la sua specialissima prima di ogni altra cosa, ma anche alla ragazza che ama pedalare in compagnia o al senior in sella da quarant'anni, non è per niente semplice: le emozioni della bici sono uguali per tutti, ma le vie per conseguirle sono personalissime e infinite. A Natale, è praticamente impossibile regalare ad un ciclista qualcosa che sia davvero utile e gradito.

A meno di non mettergli sotto l’albero l’emozione stessa dei pedali, cioè la strada davanti agli occhi che scorre via veloce, il vento addosso, che fa tremare la maglia sul collo, il brivido della velocità, la gioia dell’impresa. La Granfondo Stelvio Santini, che si correrà l’11 giugno 2017, con partenza da Bormio e arrivo in cima al Passo dello Stelvio, è tutto questo. La corsa, che giunge alla sesta edizione, è diventata negli anni una tra le manifestazioni amatoriali più affermate e ambite, grazie all'organizzazione puntuale e accurata dell’US Bormiese in collaborazione con Santini Maglificio Sportivo. Una lunga emozione, fatta di chilometri, tornanti, sudore, coraggio, fatica, determinazione, sfida, volontà e una grande, infinita, impagabile soddisfazione quando si conclude - lassù ai 2758 metri dello Stelvio - la propria leggendaria e unica giornata sui pedali.
Image

Se si vuole avere la certezza di un regalo originale e azzeccato, il consiglio è di mettere sotto l’albero l’iscrizione alla Granfondo Stelvio Santini. L’effetto sorpresa è garantito. Ma soprattutto è garantito il gradimento del dono: il vero ciclista, infatti, sa bene che la Granfondo Stelvio Santini non è una gara contro altri concorrenti, ma una sfida verso se stessi, le proprie forze e la propria testa. Ci vogliono muscoli, certo, ma prima ci vuole coraggio, per affrontare il Mortirolo, sapendo che dopo ci sarà lo Stelvio. Ci vuole fiducia, per non dubitare mai di riuscire ad arrivare, pedalando, fino alle porte del cielo. Ci vuole la capacità di sognare, per lasciarsi attraversare dai paesaggi che si attraversano. Il caldo in valle e il gelo dei tornanti finali, tra due muri di neve. Salite storiche dove centellinare ogni energia e discese vertiginose dove dimenticare ogni paura. E, tutto intorno, profumi di bosco, silenzio e gli spettacolari paesaggi alpini dell’alta Valtellina. Una sfida epica e personalissima, da mettere sotto l’albero con pochi e semplici clic sul sito ufficiale della manifestazione, www.granfondostelviosantini.com

Un regalo conveniente, poiché fino al 31 gennaio si potrà usufruire della quota promozionale di 60 euro (invece di 70), oltre alla certezza di essere ammessi tra i partenti: il tetto dei concorrenti, infatti, è limitato a 3500 iscrizioni.

Giuseppe Battaglia

Ideatore, creatore e maggiore contributor del sito. Spesso le sue idee sono talmente confuse che riescono anche ad avere un senso...